Pier Giorgio Perotto : Il genio dimenticato da molti

di | 5 Ottobre 2014

Da molti, ma non da tutti.

Pier Giorgio Perotto è stato un ingegnere italiano. Probabilmente a molti di voi (specie ai giovani) non dirà nulla. Eppure se mi state leggendo è grazie a lui. Infatti Perotto ha inventato il PC, un piccolissimo calcolatore (stava sulla scrivania) quando all’epoca si usavano ancora i calcolatori enormi che stavano nelle stanze e costavano un botto.
Ma non ha fatto solo questo, infatti è anche merito suo se oggi usiamo i Floppy Disk (il precursore del floppy, la cartolina magnetica, è stata creata dalla sua squadra per la Programma 101, primo PC), ed ha curato lo sviluppo dei PC Olivetti per vari anni.

Ha anche a che fare con l’invenzione della macchina da scrivere elettronica. Contribuì anche allo sviluppo (insieme a molti altri) dell’ELEA, un avanzato calcolatore.
La sua spinta innovatrice, probabilmente, è stata eguagliata pochissime volte (e uno di coloro che è riuscito è sicuramente Federico Faggin) e la sua idea, seppur implementata in modo diverso, è usata ancora oggi, e probabilmente sarà usata per moltissimi anni a venire.
VI lascio con questa sua citazione:

  Sognavo una macchina amichevole alla quale delegare quelle operazioni che sono causa di fatica mentale e di errori, una macchina che sapesse imparare e poi eseguire docilmente, che immagazzinasse dati e istruzioni semplici e intuitive, il cui uso fosse alla portata di tutti, che costasse poco e fosse delle dimensioni degli altri prodotti per ufficio ai quali la gente era abituata. Dovevo creare un linguaggio nuovo, che non avesse bisogno dell’interprete in camice bianco

Grazie Pier Giorgio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *