Antibufala: I vaccini non sono obbligatori ma il governo prezzolato non ce lo fa sapere

di | 12 Novembre 2014

Il noto sito satirico JedaNews ha pubblicato questa notizia che afferma che i vaccini non sono più obbligatori ma che le istituzioni non lo facciano sapere. Tranquilli, è una notizia satirica! Ah… ma JedaNews non è satirico! Oh merda.
L’articolo è la solita pappardella antivaccinista (il vaccino salva miliardi di bambini? Poco importa. Malauguratamente il vaccino uccide un bambino? È cattivo e va abolito) che solo per come esposta andrebbe ignorata a priori. Ma dato che l’antivaccinismo va di moda (quando andranno a piangere sulla tomba del figlio morto di morbillo forse capiranno… Non esagero, capita fin troppo spesso) meglio sbufalare.
Cominciamo, e consiglio agli scettici di preparare i fazzoletti, piangerete dal ridere 🙂

Le vaccinazioni imposte ai bambini non sono più obbligatorie,ma le istituzioni sanitarie al soldo delle aziende farmaceutiche tacciono invece di tutelare…
In punta di diritto la copertura vaccinale imposta ai bambini per far ingrassare le multinazionali chimiche (in particolare la britannica e famigerata Glaxo che organizza anche in Italia convegni che ospitano incredibilmente alcune autorità di controllo) non è più obbligatoria, ma pochi lo sanno e le istituzioni sanitarie nazionali, regionali e locali sovente al soldo delle aziende farmaceutiche tacciono, invece di tutelare concretamente il diritto alla salute dei minori.”

E già alla prima fase dovrebbe partire la querela. Alla seconda dovrebbe partire la seconda querela. E se per loro tutelare è non vaccinare contro pericolose malattie dovrebbero veramente riaprire il Dizionario.


Anche l’obbligo scolastico può essere assolto dai non vaccinati, ai sensi del decreto del presidente dellla Repubblica numero 355 del 1999. Ecco come fare per poter esercitare il legittimo diritto alla obiezione vaccinale in modo corretto, e senza conseguenze giuridiche di rilievo (a parte una possibile microscopica multa comunque contestabile, che molte Regioni ormai nemmeno applicano o hanno abolito).

La prima parte è vera. L’articolo 2 recita:
2. Nel caso di mancata presentazione della certificazione o della dichiarazione di cui al comma 1, il direttore della scuola o il capo dell’istituto comunica il fatto entro cinque giorni, per gli opportuni e tempestivi interventi, all’azienda unità sanitaria locale di appartenenza dell’alunno ed al Ministero della sanità. La mancata certificazione non comporta il rifiuto di ammissione dell’alunno alla scuola dell’obbligo o agli esami.
Ma l’articolo 3 specifica:
3. E’ fatta salva l’eventuale adozione da parte dell’autorità sanitaria di interventi di urgenza ai sensi dell’art. 117 del D.L.vo 31.3.98, n. 112.”
Non so quanto esista un diritto all’obiezione vaccinale, ma IMHO chi lo pratica dovrebbe perdere i diritti sui figli e, se diffonde il delirio allarmistico, marcire a vita in galera. Non esagero.
Aggiornamento esplicativo 15/11/14 11:55
Comunque le autorità sanitarie, in caso di epidemie (e sicuramente ce ne saranno se l’antivaccinismo plagerà altre persone) possono impedire a chi non è vaccinato (immagino sia per motivi sanitari sia perché i genitori sono plagiati antivaccinisti) di frequentare le scuole.
Ma continuiamo:
L’articolo 32 della Costituzione (norma fondamentale a cui sono subordinate tutte le altre) stabilisce che: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
Fino qui siamo tutti d’accordo.
Pertanto,  le leggi – L. 6 giugno 1939, numero 891; L. 4 febbraio 1966 n° 51,  L. 20 marzo 1968 n° 419, L. 27 aprile 1981, numero 166, L. 27 maggio 1991, numero 165 – sono incostituzionali e vanno abrogate. E’ strano che nessun costituzionalista abbia fatto notare queste palesi incongruenze giuridiche. Come dicevano i latini: “pecunia non olet“. Infatti, la casta dei politicanti italidioti si è venduta mettendo a repentaglio la vita di milioni bambine e bambini.
Urrrrca, i nostri “amici” sono la Corte Costituzionale ora. Interessante.
E qua dovrebbe partire la quarta querela.
Inoltre milioni di bambini li mettono a rischio gli antivaccinisti, non le Autorità Sanitarie. Il resto è una serie di roba già analizzata nel web, che non rianalizzerò.
Bella è questa citazione:
Per la cronaca l’antiepatite virale B fu introdotta a suon di tangenti dall’allora ministro De Lorenzo condannato per aver intascato una grossa mazzetta per far promulgare la legge – 27 maggio 1991, numero 165 – controfirmata da Andreotti e Cossiga.
E qui parte la quinta querela, dato che prove non ce ne sono. E alla fine, non per dire, l’epatite B non è per nulla simpatica, meglio vaccinarsi. Se pensate che lo sia e che il vaccino sia inutile, inoculatevela. Attiva però. Tanto se non fa nulla ai bambini, cosa farà a voi!
Numerosi pediatri o sono stati comprati (alla voce comparaggio) dal miglior offerente sul mercato della salute, oppure sono ignoranti in materia. Sulla vita dei bambini non si devono fare affari di qualsiasi genere. E’ CHIARO?
Urca, e qui scatta la sesta querela. Prove zero, e  l’affare lo fanno gli antivaccinisti con la pubblicità, almeno non debbono fare ricerca per salvare vite (per rovinarle sì)
Le vaccinazioni pediatriche distruggono l’immunità naturale, spesso invalidano a vita i piccoli (alla voce autismo), a volte uccidono e provocano malattie inguaribili come effetti collaterale.
E qui partono le scomuniche.
Prove, ovviamente, zero. L’autismo non viene causato, come sappiamo, dai vaccini. E, alla fine, bene o male immunizzati si è. Senza rischiare la morte.
 sentenza tribunale di Pesaro del novembre 2013 (riconoscimento dei danni da vaccino che hanno causato autismo)
Ovviamente un tribunale fa scienza. Normale, l’altro ieri il laboratorio d’analisi vicino casa mia ha condannato un ladro a 2 anni di reclusione, cosa c’è di strano? Studiate scienza e diritto, che è meglio mi sa 😉
E tra l’altro esistono sentenze che negano i danni da vaccino. Che facciamo, una soluzione Shroedingeriana?

Ragazzi, vado a confessarmi. Questa roba qui potrebbe trasformare un prete muto in Germano Mosconi. 😀

Riassumendo: Che i vaccini possano essere saltati non è del tutto falso (se lo fate però, tranne rare eccezioni mediche, non siete genitori responsabili), ma non è vero che causino danni e simili amenità coem annunciato dal sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *