Filtri di Doudou Linux

di | 26 Novembre 2014
Tratta da Wikipedia

Vi ho già parlato di Doudou Linux, e in questo post approfondirò l’argomento filtri.
Rispondo alla domanda basilare:
“Funzionano?”
Sì, anche bene.
Ma son troppo zelanti.
Il filtro blocca praticamente tutti i siti per adulti provati (i pochi passati sono sostanzialmente SFW), ma si allarma anche con la stringa “preti pedofili”.
Già. Che sia un brutto argomento, lo sappiamo tutti, ma la censura fa solo il gioco dei pedofili, in questo caso.
Inoltre a volte vengono bloccate le ricerche sugli scandali sessuali più famosi (non è che sia essenziale conoscere la Lewinsky, ma comunque male non fa…).
Poi ho notato che vengono bloccati sia i siti che illustrano teorie del complotto che quelli dei debunker. Bah…
Non capisco il motivo, il sistema dice spesso “Gambling” (gioco d’azzardo), ma non mi sembra che siano siti di slot…
Vittima anche il sito dell’UAAR. Sapete perché? Pedofilia. Non scherzo.
Inoltre le parole legate all’azzardo fanno impazzire il filtro.
Ho provato a creare un documento su Pastebin con questo testo:
“La biblioteca civica è in Piazzale Lotto.”
Roba realistica, visto che P.le Lotto è una famosa piazza di Milano. Il filtro traviserà e penserà che parlate di gioco d’azzardo, mentre non è così.
Ovviamente sostituendo la O con uno 0 (trucchetto di secoli fa nello spam) tutto torna leggibile. Oppure usare il cirillico… 🙂
Per provare il filtro antiporno ho messo questa stringa:
“In una nazione libera si deve poter dibattere liberamente sul sesso, sulla pornografia, sui vari tipi di porno attualmente in giro. Facciamolo tutti insieme, davanti a una birretta XXX offerta gratis dal mio amico barista Rocco.”
Parole pericolose, ma nulla di fatto. Viene bloccata.
Quindi il filtro è imperfetto, e non copre le email e il resto, quindi il pargolo potrà farsi recapitare via email (col client) vari video pornografici/scabrosi sotto il naso del filtro.
La decisione del filtro pu inoltre variare, se cambiano i contenuti. Quindiun blog oggi può essere blooccato e domani accessibile.

Il mio consiglio è questo:
Per la navigazione normale va bene, ma se volete visitare siti più “seri” usate un OS senza filtro, o con filtro DNS.
In questo modo potrete correttamente informarvi e leggere varie cose bloccate dal filtro zelante.

Piccolo elenco di contenuti legittimi bloccati dal filtro, con motivazione:
Attivissimo.net  : Gambling
Il Disinformatico : Pornografia (Giapponese)
La pagina che state leggendo : Pornografia e News
“ANSA” : Gambling
Ansa.it : Gaming (Greco) : Maxis [Da anni sono proibiti i videogiochi nello stato Ellenico, ma applicare il bando a tutto il mondo mi sa di sovietico]
“Sesso RE” : [Povera cittadina…]
“Bastardo” : (Pornografia e Volgarità) [Bastardo è anche una cittadina, per chi non lo sapesse]
“Preti Pedofili”
“Pistola” : Armi, Gaming e Pornografia [Pistola è anche una espressione milanese]
Varie pagine sugli attentati al WTC dell’11/09/2001, per svariate motivazioni (AIDS, pornografia, armi)
“Ilona Staller” : Pornografia [Non per fare il guastafeste, ma è anche stata Deputata]
“Gay” e “Etero” : Pornografia
Qualunque pagina contenente la scritta “video porno” (anche se inserito in contesto normale, nel mio caso ho usato i Principi Fondamentali della Costituzione).

Piccola curiosità: Se si riesce ad accedere a Google le ricerche con parole proibite spesso si possono fare, ma i link vengono bloccati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *