Kolibri: Il sistema che sta in un floppy!

di | 25 Febbraio 2015
Vi ho già parlato di SliTaz ma ho trovato di meglio: KolibriOS.

E’ un sistema operativo completo, scritto in Assembly, che sta in un floppy.  Ho scaricato la versione completa (ben 16 MB) e l’ho messa in VM con 512 MB di RAM. L’avvio fulmineo: Si e no 5 secondi. E si presenta subito una GUI completa stile 2000, con una barra in stile Windows e una dock stile Mac/NeXTStep.
Sul desktop appaiono vari programmi.
Il sistema è abbastanza completo: Un browser web testuale, una calcolatrice, vari giochi ed emulatori (Quake e Doom dicono nulla?), giochini semplici come un tris particolare, il Sodoku, 2048 e un assuefante Flood It, che è da provare. Innumerevoli i tool per programmare, specie in Assembler, linguaggio del sistema. C’è un File Manager simile ad Esplora Risorse di XP, e per i più smanettoni una shell simile a quella di UNIX. Presenti anche programmi multimediali. Se avete spazio potete scaricare 40 MB per altri programmi, non ho provato ma c’è DosBox, assieme a molte altre cose interessanti
Questo sistema è molto interessante per risuscitare vecchi PC, ma mancano ancora funzioni fondamentali che altri OS hanno. Per un fan del trashware potrebbe andare benissimo, ma non per un utente comune. Comunque è a buon punto, manca solo un browser fatto bene.
Provatela, vi sorprenderà molto… Sia per le funzioni, sia per la leggerezza e i tempi di boot.
Se dovessi dare un voto sarebbe 7
Pecche maggiori la mancanza di programmi, l’importabilità ad altre piattaforme e il pochissimo supporto alla nostra lingua. KolibriOS si scarica da qui in versione completa e da qui in versione da floppy.

2 pensieri su “Kolibri: Il sistema che sta in un floppy!

  1. Fabrizio Bertinetti

    Vi faccio notare che per scaricare kolibri os mi manda in un sito pericoloso che ho bloccato, non so se sono io che qualche virus, controllate.
    grazie

    Rispondi
    1. Mike Sciking Autore articolo

      Buonasera, suppongo sia la pubblicità del sito a cui viene inviato. Alle volte, specie su sistemi Windows, può essere parecchio invasiva purtroppo.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *