Nella mente degli Applefag: Flash, YouTube e Jobs

di | 29 Gennaio 2015

YouTube in questi giorni ha rimosso il supporto in via principale ad una tecnologia ormai obsoleta: Flash di Adobe. E la reazione dei fag/fan Apple è stata la solita: Ricordare che Apple ha fatto la stessa cosa nel 2007 e che Steve Jobs è un visionario avanti a tutti. Ma proprio a tutti.
Per chi non lo sapesse iPhone, per motivi facilmente intuibili, non aveva Flash: già all’epoca un colabrodo. Era pesante (il primo iPhone era una quasi una calcolatrice che telefonava, non era potente), consumama batteria e aveva alternative solide, oltre ad una tecnologia (a cui Apple contribuì) che oggi chiamiamo HTML5. Ma ai fa* non interessa, l’importante è idolatrare Steve Jobs. A questo punto perché non elevare a visionari i produttori di Opera e Firefox che negli ormai lontani anni 2000 non integrarono nei loro browser ActiveX di Microsoft, usato da molti siti, riuscendolo negli anni a farlo decadere? Perché Jobs è un visionario ma la comunità di Mozilla non lo è? E praticamente hanno fatto la stessa cosa. E perché il visionario è Jobs e non gli ingegneri del software iPhone?
 L’equità non è il loro forte…
Ovviamente ho fatto dei meme per la pagina FB, pubblicati in rapida successione come se fosse un discorso:

Perché se sei Steve Jobs ti basta dire un monosillabo per diventare un visionario, se sei un ingegnere italiano che, con netta ostilità dell’azienda, tenta di cambiare il mondo no…

2 pensieri su “Nella mente degli Applefag: Flash, YouTube e Jobs

  1. Il Sesto Demone

    Perchè quando distribuivano cervelli, gli Applefag erano in fila per l’ultimo iPhone

    Rispondi

Rispondi a Il Sesto Demone Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *