Appunti Python: Gestione delle eccezione (errori)

di | 14 Febbraio 2015

In programmi piccoli gestire le eccezioni non è importante, ma in programmi grossi è fondamentale.
Nei programmi, bene o male, possono crearsi due tipi di errori: Quelli di sintassi e quelli dovuti a procedure non consentite. I primi sono evitabili solo scrivendo buon codice e controllandolo, mentre i secondi si possono evitare con un piccolo trucchetto. Dobbiamo fare un po’ di teoria prima, con degli esempi:
Se voi create un software che fa divisioni e qualcuno mette 0 al denominatore tutto andrà in palla, dato che la divisione per 0 è infattibile anche per i calcolatori 😉
Se succede ciò in una calcolatrice poco male, ma se succede in un  programma che calcola una mega funzione matematica siete, per dirla tutta, nella merda fino al collo.
Python ci viene in soccorso con il comando except. Funziona così, voi mettete dentro except la funzione a rischio: Seva a buon fine continua, altrimenti da un messaggio preimpostato.
Passiamo ad un esempio pratico:

a = input(“Dividendo:”)
b = input(“Divisore:”)
try:
#dice al programma di provare
    k = a/b
    print k
except:
print “Non posso eseguire la divisione”

#versione python3
Dovete mettere nel blocco try l’operazione a rischio e in except ciò che volete sia fatto se nasce una eccezione. Potete anche scegliere l’eccezione, ad esempio se volete che il programma non si chiuda con una divisione per 0 ma si chiuda se si immette una stringa.
Esempio:
a = input(“Dividendo:”)
b = input(“Divisore:”)
try:
#dice al programma di provare
    k = a/b
    print k
except ZeroDivisionError:
print “Non posso eseguire la divisione”

<<Lezione precedente
Lezione successiva>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *