Malware nella storia: Zelig, il salvaschermo costoso (e infetto)

di | 20 Maggio 2015

Intorno a fine 2003 una mail arrivò a molti italiani: Dal titolo “il momento e’ catartico” aveva vari mittenti ed era un worm pericoloso. Dal nome formale di Voltan, viene ricordato come Zelig.

Viene ricordato come il primo Worm italiano: Fu sicuramente il primo ad alta diffusione.

Questo malware arrivava con un messaggio email (di cui trovate poco sotto il testo) che si rifaceva ad un comico della celebre trasmissione televisiva. Non aveva allegati, aveva solo un link che portava ad una pagina con il file Zelig.scr, uno screensaver:

Ricevo e cortesemente inoltro,all. un premio per la genialita
hanno reso mitico un salva schermo scaricalo, “poesie
catartiche”, che
non sai cosa ti perdi

Ci si può aspettare che uno screen saver sia una cosa inanimata, come una pagina HTML: Contiene dati che il PC interpreta per creare il mio screensaver. Ma invece no, è un eseguibile come un exe, estensione genericamente associata ai virus. Lo screensaver una volta installato sostituiva effettivamente lo screensaver con una simpatica (?) poesia:

A volte ti sento cosi vicina…A volte ti sento cosi
lontana…Certo che hai proprio un cellulare di merda!

Ma faceva altro: Cambiava i parametri di connessione del modem inserendo un 899 (era a tutti gli effetti un dialer) e si autospediva a tutti i contatti in rubrica. In pochissimi giorni di attività rucò scatti per più di 104’000€, ma il suo creatore, un italiano residente a Caracas, venne subito individuato dalla Guardia di Finanza. Venne condannato a 14 mesi di reclusioni e a 3000€ di multa, e le sue vittime, fortunatamente, non dovettero pagare nulla.

Tra l’altro la condanna del creatore fu la prima in Italia per questo tipo di reati informatici!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *