Come crackare le reti Wi-fi

di | 11 Maggio 2016

Devo essere sincero: Non ero proprio convinto a scrivere questa guida. Però poi ho pensato che la STO non funziona: Se c’è un problema risolvibile non sta a me nasconderlo, sta a chi può risolverlo. Dunque oggi impareremo a bucare le reti wireless. Per prima cosa, ovviamente, vi serve un sistema operativo Linux. Se usate Kali il tool è preinstallato. Se non usate kali dovete installare in pacchetto “wifite”.

Avete fatto? Bene, aprite un terminale e, come root (o con sudo) date:

wifite

Ecco, si avvierà wifite con una grafica semplice di un router wifi. Dopo qualche secondo vi elencherà le reti wifi della vostra zona. Adesso guardate bene. Il N,UM è quello che dovrete inserire nell’interfaccia di hacking. L’ENCR è importante. Se è WEP andate a vedere la riga CLIENT: Se è verde con scritto “client” potrete tentare un craking rapido. Se invece c’è WAP o WAP2 saltate alla riga WPS. Se c’è (yes) è il vostro giorno fortunato, con buone probabilità riuscirete a crackare la rete in un paio di minuti massimo. Altrimenti dovrete aspettare anche 12-15 ore per bucare la rete: Fattbile se siete in villeggiatura per un mese, ma infattibile per una capatina rapida. Quando avete identificato le reti da crackare premete CTRL+C e inserite il numero della rete da bucare. Potete usare anche all per bucarle tutte o un range col trattino (1-3 buca la rete 1,2,3).

Dopo qualche tempo (secondi e ha WPS, minuti se ha WEP, ore se è solo WPA o WPA2) il programma vi darà la password della rete.

Mi raccomando, usatelo solo per test su reti in cui avete il permesso. E non sentitevi haker usandolo, è uno dei programmi per i lamerozzi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *