Perché le guide all’hacking vanno scritte?

di | 17 Maggio 2016

Spesso nei commenti delle guide di hacking qualche genio si erge paladino dell’utenza sgridando gli autori per aver rilasciato tali informazioni. Ad esempio ieri son capitato su una videoguida che spiegava un tool di hacking e uno sotto ha detto una roba del tipo “Un’altra giuda per hackerare le wifi… Non fatele”.

Insomma, per me è una cazzata. Come mai? Perché la STO non funziona se non nel brevissimo periodo. Ossia, se si scopre una vulnerabilità meglio aspettare, ma se è bella che pubblica è giusto che venga diffusa. Se uno lascia le password di default al suo router, perdonatemi, ma son cazzi suoi se lo bucano.

Piuttosto diffondere questi trucchetti alla portata di tutti dovrebbe spronare chi è vulnerabile a turare le falle. Se prima lo sapevano fare in pochi ed il rischio è basso, con le guide giuste si alza al punto da costringere a turare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *