Cuffiette Tiger vs cuffiette cinesi

di | 21 Gennaio 2019

Profittando degli sconti di metà gennaio ho cambiato le mie cuffiette auricolari, un modello cinese comprato in un negozietto di provincia, con delle cuffiette di Tiger, pagate due euro.

Le cuffiette cinesi, ad essere onesti, erano molto carine e le ho cambiate solo perché si stavano sfilacciando. Comunque, mi hanno servito con onore per sei mesi, cosa abbastanza rara per delle cuffiette cinesi.

Valutiamo gli auricolari di Tiger su cinque campi per poi dare un giudizio definitivo.

Confezione

La confezione è molto in stile Tiger: una scatoletta con dentro gli auricolari, già dotati di gommino per le orecchie, e altri due gommini, una cortesia sicuramente gradita.

Qualità

Non un gran che, devo dire. Alle volte crea interferenza e fa partire randomicamente l’assistente Google, e in generale la cuffia sinistra è meno potente di quella destra, cosa che può rivelarsi fastidiosa.

Parlato

Non male, devo dire. Si capisce bene, non distorce anche se rende un po’ meno delle precedenti cuffie.

Se volete sentire tutorial o gameplay non avrete particolari problemi.

Bonus: ASMR

Gli ASMR sono i video che, per definizione, richiedono di usare cuffie. Ebbene, rendono veramente poco, devo dire. Certi suoni sono appena appena percettibili e, anche suoni che con le cuffie precedenti trovavo piacevoli, erano inudibili o fastidiosi.

Se quindi programmate di sentire video del genere o dov’è richiesta alta fedeltà, ovviamente, queste cuffie non vanno bene. Ma son, pur sempre, cuffie da 3€.

Musica

Nulla da dire, si sente bene ed ascoltare musica è decisamente piacevole e gradevole, specie in ambienti un po’ rumorosi. In questo, sinceramente, non ho nulla da criticare.

Risultato finale

Direi un 7. Non sono cuffioni, ma costano 3€. Considerando che spesso Tiger è vicino alle stazioni ferroviarie o in luoghi a forte afflusso turistico può essere un buon acquisto per una partenza in caso di dimenticanza delle cuffie.

Non si tratta, ovviamente, di cuffie pensabili per ascolti seri, magari per editing o cose del genere. Ma, diciamocelo, cuffie del genere non costano mai 3 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *