Apple e il PC IBM

di | 14 Dicembre 2014

Nel 1976, un anno dopo l’Altair, tre ragazzi: Steve Wozniak, Steve Jobs e Ron Wayne (che lasciò l’azienda qualche giorno dopo) fondarono la Apple e iniziarono a lavorare su un microcomputer: l’Apple I. PPoco tempo dopo venne fuori un PC che, nonostante il prezzo più alto dell’Altair riuscì a diffondersi molto: l’Apple II. Una sua versione restò in produzione per 10 anni. Ironicamente alcuni Apple II utilizzavano un BASIC della Microsoft.
Poi uscirono altri PC (degno di nota il TRS-80, potente e poco costoso), ma in questo periodo iniziò il boom degli home computer. Da notare sono il VIC-20, lo ZX80 e, dall’altra parte del muro, l’Electronika BK.

Pubblicità che punta sull’uomo dell’anno

Nell’anno 1981 avvenne un’altra piccola rivoluzione, che sostanzialmente ha creato l’architettura del PC odierno. Nasce il PC IBM. Fu talmente clonato che fino a pochi anni fa per definire il PC non Apple si usava il termine “IBM-compatibile”. Il PC IBM usava principalmente come drive le cassette (ma c’era, opzionalmente, il floppy) e diffuse moltissimo l’MS-DOS, il sistema operativo di Microsoft.
Il successo dei PC divenne talmente evidente che furono scelti come Persona dell’Anno del 1982.
Grazie ai tantissimi cloni l’architettura del PC IBM si diffuse tantissimo e divenne lo standard de facto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *