Che differenza c’è tra emulare e simulare?

di | 24 Marzo 2015

La stessa che c’è tra ricostruire da zero una vecchia Harley e cambiare il telaio a una Honda nuova. Semplicità a aprte, passiamo alla regolina base: Il simulatore vuole riprodurre il comportamento di un sistema, l’emulazione vuole replicare il funzionamento. Differenza sottile ma grande. Facciamo un esempio pratico:Volete giocare a Pong. Avete due strade:
1) Imparare un linguaggio (magari Pygame che è semplice), scrivere un programma che si comporta come il vecchio pong e giocarci. Avete creato una simulazione del pong, ossia una cosa che ne riproduce il comportamento.
2) Cercate i dati tecnici del pong, scrivete un software per riprodurre l’hardware e giocate con la ROM di Pong. Avete emulato pong.

In sostanza l’obiettivo di entrambi è di riprodurre qualcosa su una macchina diversa, ma l’emulatore lo fa riproducendo la vecchia macchina ed interfacciando il computer alla macchina da emulare, il simulatore si accontenta di riprodurre il comportamento.

Cos’è meglio? Dipende da varie cose, l’emulatore da più realismo, il iumlatore è più semplice da realizzare. Se volete, ne parliamo nei commenti 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *