Creare password sicure

di | 18 Aprile 2015

Le password sono una parte integrante della nostra vita informatica. Molti scelgono password banali, ma è una pratica scorretta e rischiosa. Molti ci pensano tardi, quando sono con il conto in banca azzerato per aver usato come password “mario1”. Le password possono essere create con tool automatici, ma sono o troppo complesse e difficili o abbastanza facili. Il miglior calcolatore del mondo, la mente umana, permette di creare buone password da ricordare con semplicità. Ecco come:

Metodo della canzone:
Metodo vecchio come il mondo: Si prende una canzone, possibilmente poco conosciuta, e si prende un verso. Un esempio è GaCd1pstgaC.
Password difficile da carpire, ma composta dalle iniziali di “Gelato al cioccolato dolce un po’ salato tu gelato al cioccolato”. E scegliendo versi meno conosciuti potreste avere davvero una buona password.

Metodo della frase:
Simile al precedente, si prende in testo, magari per voi significativo. Ad esempio S1maaqdq0c, tratta da una famosa citazione di Pier Giorgio Perotto.

MD5:
Gli MD5 sono delle stringhe a 32 caratteri che verificano l’integrità di un file/stringa immessa. potete usare una frase abbastanza menmonica (ma non troppo semplice) e usare il suo MD5 come password. Ad esempio la frae casuale “Mio cugino si chiama Sergio ed è nato a Bari il 21/12/1934” da un hash “005a00e49dfbf22bab8a4716938d0c72”, parecchio difficile da forzare

Spostamento:
Metodo che consiste nello scrivere una password abbastanza semplice e spostare le dita di un tot di caratteri. Ad esempio M4r10r055i diverrebbe ;5t2’t’66o. Il problema è che, se per un qualsiasi motivo vi trovaste su un layout diverso siete, per dirla elegantemente, nella merda fino al collo

Che metodo usare?
Tra tutti questi i migliori sono i primi due. Tenete a mente che per gli hash MD5 esistono banche dati delle password più comuni. Una buona password dovrebbe avere almeno 12 caratteri ed avere punteggiatura, maiuscole, minuscole e numeri. Esistono anche programmi che generano password da dati: Funzionano bene, ma le password non sono sicure al 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *