Malware nella Storia: Biennale.py, l’opera d’arte virale

di | 10 Aprile 2015

Era il 2001 quando, durante la Biennale di Venezia, viene presentato un virus molto particolare: Sia per il fatto di essere il primo in Python, sia per il fatto di essere un’opera d’arte. Il virus venne prudenzialmente inviato alle case antivirus ed esposto in un computer infetto nella celebre mostra, in uno spazio offerto dalla Repubblica di Slovenia.
Il malware, creato da una squadra di programmatori milanesi, era il primo in python ed infestava i sorgenti py e i compliati in bytecode pyc.
Tralasciando il nobile intento artistico (creare un virus informatico che si diffonde via umana) era un virus abbastanza blando e facilmente rimovibile. E rese noto il fatto che anche con il python si possono fare virus, cosa ritenuta molto difficile prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *