Un sistema multilivello contro la pubblicità con Pi-Hole

di | 20 Maggio 2021

Finalmente 192.168.1.2 ha un nuovo lavoretto, ossia filtrare la rete alla ricerca della pubblicità. Come? Ma con Pi-Hole, naturalmente!

Cos’è Pi-Hole

Pi-Hole è un software che filtra le pubblicità direttamente a livello di DNS: lo si imposta su un computer – basta anche un Raspberry Pi Zero – e renderlo DNS standard della rete sul router o sui dispositivi che si vogliono proteggere.

Installazione

L’installazione è semplice ed eseguibile con uno oneliner, con possibilità di farlo in più comandi se non si vuole fare “| sh”, l’equivalente informatico di fare sesso non protetto. Ovviamente è anche possibile usare Docker, ma per questa volta ho preferito usare l’installazione diretta, dato che per un servizio di rete essenziale ho preferito avere tutto su bare hardware, dato che, ogni tanto, Docker mi capita di riavviarlo.

Unico problemino: avendo già io un webserver ho dovuto reimpostare manualmente la porta del server web. Con Docker, in effetti, non avrei avuto il problema…

L’installazione è semplice, si scelgono i DNS da usare e così via, può farlo chiunque.

Configurazione

Prima di tutto bisogna impostare l’indirizzo del dispositivo come DNS principale dal router e poi anche su eventuali dispositivi che richiedono configurazione manuale dei DNS.

Già da adesso, in teoria, funziona, solo che non filtra un bel niente! Per farlo, infatti, servono delle liste, che dovrete aggiungere voi.

Potete trovarne a iosa anche solo cercando su Google, qui trovate una dignitosa lista, se poi avete dispositivi che richiedono specifiche liste potete trovarle o crearle voi stessi

Granularità

Ma la granularità è ciò che rende forte Pi-Hole! Infatti, seppur di default lo fa, si può impostare in maniera che filtri in modo diverso in base all’IP/MAC del dispositivo, ossia scegliendo il gruppo delle varie AdList e poi a quali gruppi appartengono i vari dispositivi.

Io, ad esempio, ho tre categorie: una per i miei dispositivi, dove blocco solo i malware e il tracciamento Xiaomi (dato che lavoro alle volte con cose pubblicitarie preferisco bloccare a livello browser), una per i dispositivi normali (che blocca malware, tracciamenti e alcune pubblicità) e una per i dispositivi “incontrollabili” come le Smart TV, che blocca praticamente tutto.

Ovviamente potete fare veramente di tutto, potreste sviluppare ad esempio un sistema domestico dove i dispositivi non degli adulti bloccano la pornografia, siti controversi e pubblicità, mentre gli adulti possono scegliere se bloccare o meno la pubblicità, oppure un sistema aziendale dove a seconda del livello di fiducia per l’utente c’è un blocco differente. La fantasia sta tutta a voi 😉

Altre funzioni

Tra l’altro, usandolo come DNS, Pi-Hole offre altre utili funzioni: potete ad esempio definire vostri hostname personalizzati del tipo “stampante.home” e la possibilità di definire propri CNAME, con gli opportuni limiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.