Programmiamo la Programma 101!

di | 28 Luglio 2015

Fondamenti teorici

La Programma 101 è una macchina troppo diversa dagli attuali PC per omettere questo brutto paragrafo. La P101 utilizza i registri per tutto: Salvare variabili, programmi e tutto il resto. Ovviamente noi analizzeremo solo quelli utili alla programmazione, che sono 8. Cinque sono registri dati, tre sono di lavoro. Se vi servissero più variabili potrete “splittare” un registro, potrà accogliere meno cifre, ma potrete avere più registri a disposizione. (un registro splittato si indica con maiuscola e minuscola, ad esempio se splittiamo B otterremmo B e b, quest’ultima indicata al calcolatore come B/)  I registri di lavoro sono M, A ed R.  In A, definito all’epoca accumulatore, si salva il risultato dell’operazione ed è praticamente sempre parte del processo di calcolo (ossia le operazioni avvengono sempre con A). In M si salva il dato immesso dalla tastiera (che può essere spostato, ma tendenzialmente le operazioni semplici si fanno in M). La funzione di R è variabile: Nelle operazioni aritmetiche salva il risultato completo (ossia con tutti i decimali), tranne nella divisione, dove viene salvato il resto. Nelle estrazioni di radice, invece, viene salvato un dato non significativo. I registri supportano 24 dati (22 cifre, segno algebrico e virgola), 11 quando splittati.
Ma attenzione: Se usate la capacità massima della macchina (120 istruzioni) alcuni registri saranno occupati e non disponibili per i dati. La capacità nativa del calcolatore è di 48 istruzioni, estensibili occupando 3 registri dati.

Ma la domanda di base è: Cos’è un programma? Un programma è una serie di istruzioni che, combinate in modo opportuno, permettono di risolvere un problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *